Vaso Artemide di V. Lindstrand

450,00

Vaso in vetro Orrefors, con rappresentazione della dea Artemide, realizzato da Vicke Lindstrand nel 1935.

Perfetto stato di conservazione.

Misure: diametro 15 cm, altezza 19 cm

Disponibile

Categoria:

Descrizione

La tradizione vetraria svedese si radica fin dal XVIII secolo ed è nella zona sud ovest del paese che conosce maggiore fortuna. Lì si concentrano infatti la Kosta (che diventerà poi Kosta Boda), la Flygsfors (1888) e successivamente la Orrefors (1898); in quella regione, particolarmente ricca di risorse naturali, la purezza dell’acqua permise di sperimentare una speciale lavorazione del vetro.

Per le vetrerie svedesi successo e innovazione andarono di pari passo. Di fronte al periodo di stagnazione che si registrò verso la fine dell’Ottocento, la direzione cogliendo i segni della crisi, riuscì a dare spessore artistico alla produzione seguendo le istanze di modernità.

Le direzioni assunsero designer e architetti di grande fama affinché affiancassero gli artigiani nel loro lavoro minuzioso. Si trattò di rivoluzionare l’assetto di produzione, la chiave di volta riguardò la formazione di equipe pronte a condividere esperienze pregresse e prospettive: designer, architetti e grafici affiancarono il lavoro di artigiani, soffiatori e incisori. Lavorare fianco a fianco permise la condivisione di idee e progetti, la creatività delle menti dei designer incontrò la sapiente esperienza degli artigiani dando impulso a una nuova era artistica.

Tra le più innovative e famose manifatture vetraie troviamo la Orrefors, fondata nel 1898 nei pressi di Småland una regione boschiva segnata dal passaggio del fiume Orre. Nel primo decennio si dedicò principalmente alla produzione di bottiglie e finestre che tuttavia vide una brusco rallentamento agli inizi del nuovo secolo. La rivoluzione della Orrefors avvenne verso gli anni Quindici, quando Johan Ekman -proprietario della manifattura- chiamò Simon Gate e Edward Hald alla direzione artistica della Orreofors: nessuno dei due era esperto di vetri, ma la loro formazione artistica come pittori, la possibilità di sperimentare e studiare il materiale insieme agli artigiani, permise quella necessaria rivoluzione che permise il successo della Orrefors.

Vicke Lindstrand (1904-1983) è un artista di grande rilievo per la storia dell’arte di lavorazione del vetro. Formatosi come grafico, fu una figura di congiunzione fra le due rivali, lavorò per Orrefors dal 1928 al 1940, mentre dal 1950 divenne direttore artistico presso Kosta.

Fu un designer eclettico e estremamente creativo, capace di promuovere importanti innovazioni nella lavorazione del vetro. Le sue sono raffigurazioni contemplative della natura e della tradizione antica (in particolare greco-romana).

Il vaso rappresenta la Dea Artemide, divinità ampiamente venerata in tutta la Grecia, inginocchiata sulla Luna nell’intento di scoccare una freccia.

Tale rappresentazione richiama il significato mitologico di Artemide, protettrice della caccia, della selvaggina, dei boschi e del tiro con l’arco. Artemide impersonifica la Luna crescente, risultando una divinità strettamente legata alla femminilità, Dea del parto e della fertilità. La mitologia narra di Artemide che, appena nata, assiste sua madre nel dare alla luce il fratello gemello Apollo.

Il marchio A1 apposto accanto alla firma di Vicke Lindstrand indica l’anno di fabbricazione del vaso corrispondente al 1935.

Informazioni aggiuntive

Peso 2.1 kg
Dimensioni 15 x 19 cm